Nicolò Lorenzato, nostro inviato nell’emisfero sud, ci racconta come è andata la raccolta.

A soli 40 minuti di traghetto dalla città di Auckland si trova la bellissima isola di Waiheke, che in linguaggio Maori significa isola di protezione.
È circondata da acque cristalline e spiagge dalla sabbia dorata, il microclima la rende un posto ideale per la coltivazione di olive e la produzione di olio di qualità.

ISOLA DI WAIHEKE

Molte sono le aziende che lavorano in questo settore, come molte sono quelle coinvolte anche nella produzione di vino.
Waiheke è un luogo speciale per la produzione agricola: in media c’è il 40% di pioggia in meno rispetto ad Auckland, la città più popolata della Nuova Zelanda, e la temperatura è di 2-3 gradi più calda. Ciò facilita la produzione di olive di qualità grazie a estati lunghe e secche e al molto vento che aiuta a prevenire ogni tipo di malattia dell’ulivo. Non è difatti necessario alcun tipo di trattamento e le piante, pur essendo ancora molto giovani, non presentano alcun tipo di malattia.
Molte aziende stanno cercando di incrementare la qualità del loro olio, in particola Rangihoua Estate, l’azienda per cui sto lavorando come aiutante manager e addetto all’uliveto. Nel 2013 è stata inserita nella top20 mondiale dalla guida

ISOLA DI WAIHEKE

internazionale Flos Olei e ogni anno si batte per migliorare la qualità degli oli prodotti, soprattutto per realizzare una qualità costante. Entrare nella guida Flos Olei è per gli addetti di Rangihoua un grande onore. Lo è di riflesso anche per me, come italiano all’estero. È un privilegio questa straordinaria opportunità lavorativa che mi permette di ampliare conoscenze ed esperienza nel settore dell’olivicoltura e di restare in contatto col mio Paese, lontano più di 18.000 chilometri.
Ora stiamo tutti in fibrillazione, aspettando insieme ai dati di produzione di poter presto assaggiare gli oli prodotti e crearne di nuovi grazie all’arte del ‘blending’.
Per la prima volta avrò l’occasione di far parte, anche se in maniera collaterale, a questo straordinario processo di creazione, sperando di poter dare il mio piccolo contributo per la conquista di nuove affermazioni.

 

 

Share: