Pubblichiamo la lettera che un giovane produttore di olio ha inviato alla redazione di Olissea. “Alfredo Marasciulo ha visto in noi qualcosa che in molte aziende mancava: una passione assoluta per questo lavoro e soprattutto la qualità delle nostre olive. Quel giorno si può dire sia nato il nostro Olio GangaLupo”.

Insieme a mio padre Michele Girone e mio fratello Luigi, perito agrario, laureato in scienze ambientali e forestali, gestisco l’azienda agricola di famiglia: circa 20 ettari di ulivi a nord di Bari sul litorale adriatico. I Girone-Bisceglie sono olivicoltori da diverse generazioni ma sino a due anni fa non producevamo olio extra vergine di oliva. Nel 2015 mi sono trasferito a Torino per completare gli studi da ingegnere e durante l’estate del 2017, tornato in Puglia per trascorrervi le vacanze estive,

ALFREDO MARASCIULO

ho conosciuto, grazie ai vari corsi da assaggiatore frequentati, il Dott. Alfredo Marasciulo, uno dei maggiori esperti di olio extra vergine di oliva, professore universitario e capo panel riconosciuto dal Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo. Gli ho chiesto di visitare la nostra azienda e le nostre olive per capire quali potessero essere le nostre prospettive. Alfredo Marasciulo accetta il nostro invito e da subito vede in noi qualcosa che in molte aziende mancava: una passione assoluta per questo lavoro e soprattutto la qualità delle nostre olive. Quel giorno si può dire sia nato il nostro Olio GangaLupo. L’olio prende il nome di una contrada che attraversa i nostri campi: la Contrada Ganga di lupo. Il nostro brand/logo è l’intersezione di una goccia di olio (colore verde) che cade dall’alto e rappresenta la parte produttiva della nostra azienda (ovvero mio padre e mio fratello) mentre la seconda parte del logo è un dente di lupo (colore grigio) e rappresenta me, il più piccolo della famiglia e allo stesso tempo il più temerario nell’affrontare questa nuova sfida.

CONTRADA GANGALUPO

La nostra azienda si estende a nord di Bari, precisamente a Santo Spirito (BA), più del 70% degli alberi sono secolari/millenari. Tutte le nostre coltivazioni sono dotate di un sistema di irrigazione innovativo: ogni pianta è dotata di gocciolatore che permette di controllare la quantità di acqua per ogni pianta in funzione della sua grandezza, permettendoci di ridurre i consumi di acqua ed energia elettrica. Anche se questo per noi è solo il secondo anno di produzione, abbiamo ottenuto un primo riconoscimento per la qualità del nostro prodotto ricevendo la menzione del LEONE D’ORO DEI MASTRI OLEARI 2018/2019 entrando a far parte dei 10 migliori oli extravergini di oliva nella categoria monocultivar. Abbiamo vinto anche la medaglia d’oro Gold PRIZE al prestigioso concorso oleario JOOP 2019 – Japan Olive Oil Prize, la medaglia d’oro NYIOOC – New York International Oil Olive Competition 2019, e il secondo posto a un concorso forse meno meno clamoroso in termini di visibilità ma importante perché istituito da frantoiani: Il premio Olioefrantoio. Speriamo di avere anche altri risultati perché ci siamo iscritti al FLOS OLEI (Italia) e alla rivista tedesca Der Feinschmecker.

OLIVO SECOLARE GANGALUPO

Il nostro Olio è un monovarietale, la Coratina, una delle varietà più diffuse a nord di Bari. La raccolta avviene quando le olive sono verdi, durante le prime ore del mattino ed esclusivamente a mano. Per la trasformazione,delle nostre olive in olio, ci siamo rivolti a uno dei frantoi locali più all’avanguardia: l’olio viene estratto col metedo dell’estrazione a freddo, le temperature durante tutto il processo di frantumazione e trasformazione si aggirano attorno ai 20 °, condizione necessaria per ottenere un prodotto con valori minimi di acidità e un contenuto invece elevatissimo di nutrienti e polifenoli. Le olive vengono prima separate dalle foglie e lavate con acqua per eliminare qualsiasi contaminazione, successivamente attraversano un cilindro con lame che frantumano le olive. Poi le olive frantumate vengono raccolte in un decanter orizzontale dove, attraverso la decantazione e la centrifugazione, si separa la massa solida, l’acqua di vegetazione e l’olio. Prima di essere imbottigliato viene fatto attraversare da filtri naturali in canapa, in modo tale che vengano eliminate tutte le particelle in sospensione che possono alterare nel tempo l’olio extra vergine di oliva. Tutto il procedimento avviene nell’arco delle 3/6 ore dalla raccolta.
Vito Girone

Share: