L’olio del riscatto è prodotto in Molise. Il primo progetto pilota per donne vittima di violenze per la produzione dell’olio.

di Pasquale Di Lena

Un progetto pilota che sarà il primo di una serie di idee per il recupero delle donne vittime di violenza attraverso l’agricoltura, con la produzione di un olio realizzato dalle stesse.

ASPEm ovvero Agricoltura Sociale per la Promozione dell’Empowerment di donne e famiglie monoparentali con minori è un progetto sociale della cooperativa Kairos e la cooperativa sociale Be Free (che gestisce i centri antiviolenza di Campobasso, Isernia e Termoli e la casa rifugio del capoluogo) , finanziato con fondi dell’Unione Europea, attraverso la Regione Molise.

“Il lavoro ci unge di dignità”: questa citazione di Papa Francesco dà la caratura del progetto e la sua impronta. “Un olio che cura la violenza“: le donne sono state formate con corsi di formazione specifici sull’olio da agronomi esperti, fino a diventare assaggiatrici e giudici al concorso più importante della regione: Goccia d’olio.

Ma non solo: hanno recuperato dei terreni abbandonati del basso Molise, ripulendoli da rovi e sterpaglie, fino a produrre l’ Olio ASPEm – la terra delle donne, etichetta che contraddistingue un prodotto eccellente sotto il profilo nutrizionale e curativo, ma che, soprattutto, cela la soddisfazione di aver utilizzato i finanziamenti statali per avviare un percorso virtuoso e non di assistenzialismo. Grazie a questo lavoro ora sono operativi 600 alberi secolari.

526 mm per chilo di polifenoli che caratterizzano questo olio con un sapore amaro e piccante tipico di queste zone, che è stato quasi totalmente venduto e ha trovato il riscontro positivo di ristoratori locali e della critica, per un totale di 430 bottiglie da mezzo litro che saranno incrementate nella prossima racccolta.

Si può trovare in vendita e anche in degustazione nel gelato gourmet di Yo Go, sul viale centrale di Termoli, a pochi passi dal mare, realizzato dai gelatieri Maricla e Massimo Guardiani, per assaggiare l’olio in una proposta completamente innovativa.

Share: