Facile manometterlo, troppi rischi per i consumatori. 
Il Direttore Generale di Fipe, Roberto Calugi: “Sempre sostenuto che questa non è la soluzione contro le frodi alimentari”.
COSA PENSA OLISSEA?
Toglierlo dal mercato non è l’unica soluzione.

Il tappo antirabbocco cosiddetto “a biglia”, pensato per scongiurare le frodi alimentari e l’utilizzo di oli contraffatti nei ristoranti e nella grande distribuzione, è troppo facile da manomettere e per questo verrà ritirato dal mercato. A deciderlo è stato il Ministero dello Sviluppo economico, insieme al Ministero delle Politiche agricole e al Ministero della Salute, dopo

TAPPO MANOMESSO

ROBERTO CALUGI

aver ricevuto 125 segnalazioni di incidenti da parte dei consumatori negli ultimi due anni. Incidenti causati dagli stessi consumatori che, per velocizzare l’erogazione dell’olio, hanno manomesso il tappo provocando la rottura del cestello in plastica e la caduta della biglia di vetro nel proprio piatto o direttamente nella bottiglia.
Il ripetersi di questi casi ha spinto il Ministero a siglare un protocollo di intesa insieme alle aziende produttrici e alle associazioni di categoria interessate, allo scopo di governare la transizione sensibilizzando gli utenti al corretto utilizzo delle bottiglie con questo tipo di tappo antirabbocco, in attesa di un definitivo ritiro dal mercato.
“Gli incidenti segnalati – spiega il Direttore di Fipe, Federazione Italiana Pubblici Esercizi, Roberto Calugi – si sono verificati all’interno delle mense scolastiche o in ambito domestico e mai in un bar o un ristorante. Tuttavia ci siamo subito attivati per informare i gestori dei locali di questo problema, invitandoli a controllare che nessun cliente manometta il tappo antirabbocco, con il rischio di trovarsi una pallina di vetro nella minestra o nell’insalata”. 

“Allo stesso tempo però – prosegue Calugi – è bene ricordare che noi

TRUFFE OLIO

ristoratori abbiamo sempre criticato l’imposizione per legge di questo tipo di dispositivi, perché riteniamo siano assolutamente inefficaci nel contrasto alle frodi alimentari. E questo lo testimoniano le numerose indagini della Finanza e dei Carabinieri, venute alla luce dopo l’obbligo di adottare il tappo antirabbocco. Ora che si scopre che è persino pericoloso, non possiamo fare altro che dirci soddisfatti per la decisione di toglierlo dal mercato. L’unico argine contro le frodi alimentari, in particolare di olio e vino, sono i controlli serrati che coinvolgano l’intera filiera”.

Ufficio Stampa FIPE – Roma, 17 dicembre 2019


COSA PENSA OLISSEA?
Il tappo antirabbocco argina le truffe di quei ristoratori che rabboccavano bottiglie di olio di pregio con dell’olio scadente, ai danni oltre che del consumatore anche dell’immagine delle aziende produttrici.
Ritirare dal mercato il tappo antirabbocco non è l’unica soluzione al probema. Sono infatti diverse le aziende produttrici di tappi che hanno messo a punto una nuova generazione del sistema antirabbocco, sicuri e senza biglia di vetro all’interno.
Basta farsi un giro nel web per scoprire che le soluzioni ci sono già. Perchè dunque, invece di togliergli, non si richiede di utilizzare unicamente gli ultimi modelli prodotti? E nel frattempo si potrebbe allegare alle bottiglie di olio dotate di tappo antirabbocco di vecchia generazione, un avviso di corretto utilizzo.

Share: