L’iniziativa è ideata dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali e da Ismea che hanno attivato una campagna d’informazione e comunicazione istituzionale sul settore olivicolo-oleario. VIDEO

Un viaggio straordinario di un giovane chef influencer e delle sue tre amiche fra frantoi e uliveti, un’avventura che li porterà a conoscersi meglio ma soprattutto ad apprezzare lo sconfinato patrimonio olivicolo italiano, con le sue 500 cultivar di olive e i 46 oli EVO Dop e Igp. Un racconto che si snoda fra le tante aziende agricole che fanno dell’Italia il Paese dell’extravergine di qualità per eccellenza, garantendoci col lavoro quotidiano anche in questi giorni di emergenza l’approvvigionamento alimentare.

Un progetto realizzato da Ismea nell’ambito della campagna informativa e di comunicazione istituzionale nel settore dell’olio d’oliva del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. Le riprese sono state effettuate prima del DPCM del 4 marzo 2020. Lunedì 13 aprile prima puntata; lunedì 20 aprile seconda puntata; lunedì 27 aprile terza puntata. #IoRestoaCasa #StayTuned.
L’azienda agricola Centonze di Castelvetrano (Trapani), quella umbra Marfuga e le pugliesi De Carlo e Conserva sono le tre realtà imprenditoriali scelte per la realizzazione di una web serie sulla diffusione della cultura dell’olio extra vergine di oliva di qualità che si chiama “I capolavori dell’extravergine” che sarà trasmessa su vari canali e testate da marzo 2020. L’iniziativa è ideata dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali e da Ismea che hanno attivato una campagna d’informazione e comunicazione istituzionale sul settore olivicolo-oleario. Nonostante sia uno degli alimenti più consumati in Italia, infatti, l’olio Evo è uno dei meno conosciuti. “La nostra azienda – dice l’imprenditore oleario Nino Centonze – è stata scelta per l’ alta qualità dei suoi oli e per il fortissimo legame con la storia dell’olivicultura. Infatti in azienda sono custodite alcune Latomie greche risalenti all’800 aC ed alberi plurisecolari di cui uno in particolare millenario. Come e’ noto i greci furono il primo popolo che comprese come coltivare l’ulivo e come ottenere l’olio dai suoi frutti. Selinunte, che e’ in assoluto la più grande colonia greca edificata in Occidente e’ stata costruita scavando nel tufo delle Cave di Cusa e nella zona di Latomie”. Quella di Castelvetrano è una zona a vocazione olivicola, con le varietà Nocellara del Belice e Biancolilla, e il suo nome indica una particolare lavorazione delle olive “dolcificate”. Una troupe di attori ha simulato un viaggio intorno al mondo dell’olio ed ai suoi paesaggi. Le riprese in Sicilia sono state effettuate nell’azienda Centonze e a Selinunte.   

Share: